1980

Arredobagno Oxford

1990

Cucina Luxury

2000

Collezione Prince

2010

Cucina Diamond

2013

Cabina armadio Elizabeth

Sinonimo di perfezione

Ciò che seguendo le orme del padre entusiasma completamente i figli è destinato al successo. Quando l’ebanista Serafino Scalco fondò assieme ad amici e colleghi della regione Veneto una piccola bottega, non poteva certo prevedere che il brand Faoma sarebbe stato scelto dalle più rispettabili case di tutto il mondo.

D’altronde Faoma non ha subito raggiunto la notorietà. Nei lontani anni Sessanta, la piccola bottega realizzava proprio quello che avevano deciso gli amici: mobili su ordinazione. Ciascun ebanista conosceva alla perfezione i segreti della falegnameria artigianale, ma era anche aperto all’introduzione di nuove tecnologie. Lo spirito innovatore di Serafino contagiò fin da giovani anche i suoi figli Loris e Franco, che con ammirazione osservavano l’attività in bottega, acquisendo pian piano l’esperienza necessaria per il mestiere del falegname, con anche l’impiego di strumenti motorizzati.

Nel 1980 i fratelli Scalco, sulla base di quanto realizzato dal padre e dai suoi colleghi, fondarono l’attuale e famosa azienda Faoma. I due fratelli hanno agito fin da subito in modo molto saggio, dividendosi i compiti. Loris è direttore acquisti e manager principale per la progettazione, mentre Franco ha il ruolo di brand manager e art-director.

Va detto che la fanatica – nell’accezione positiva del termine – passione di Franco per il design, ha contribuito notevolmente a rendere i mobili Faoma inconfondibili e irripetibili.

L’elemento creativo della coppia Scalco partecipa direttamente all’elaborazione dei più importanti progetti aziendali. Fino ad ora è stato lui a coordinare personalmente il lavoro d’équipe e anche a portare avanti le trattative con i maggiori partner e con i più importanti clienti.

Ma, per tornare alle origini, è opportuno ricordare come i fratelli Scalco hanno iniziato a conquistare il mondo. I primi progetti dell’azienda erano legati alla creazione di cucine e bagni innovativi. L’accento, come in precedenza, veniva posto su progetti personalizzati. Conquistandosi una certa fama tra i clienti importanti, l’azienda ha cominciato a crescere e rafforzare la sua posizione sia nel mercato interno che in quello internazionale. Oggigiorno Faoma è conosciuta ovunque. La collaborazione con i paesi dell’Europa Orientale è ben avviata e l’azienda si prepara a sbarcare sul mercato asiatico.

I fratelli si ricordano bene l’esperienza del padre e dei suoi colleghi e per questo seguono costantemente gli ultimi progressi nel campo della domotica, continuando ad unire le nuove tecnologie alle provate tradizioni artigianali. L’azienda utilizza già da tempo le serrature biometriche.

Attualmente due sono le direttrici principali: l’arredamento classico e quello contemporaneo. Entrambe si basano sugli stessi principi ossia audacia, coerenza stilistica, gusto impeccabile, elevato livello di artigianalità, altissima qualità delle specie lignee impiegate e, chiaramente, utilizzo delle ultime tecnologie per la realizzazione dei mobili.

Le collezioni d’arredo proposte vanno ormai da tempo oltre i confini della cucina e del bagno.

L’azienda realizza tutto ciò che è necessario per una casa accogliente: salotti, camere da letto, cabine armadio, zona SPA, home-cinema, biblioteche, ecc.

Grande è l’attenzione dedicata alle finiture, considerate lo strumento principale per dare ai mobili una loro individualità, ad esempio vengono notevolmente usate le tecniche di anticatura dei materiali, le dorature, le laccature e gli intagli.

NADEŽDA JAKOVLEVA

  1. Franco Scalco, brand manager dell’azienda Faoma.
  2. Salotto Elizabeth.
  3. Serafino Scalco (in basso a destra), fondatore dell’azienda assieme ai figli.
  4. Sala da pranzo Elizabeth, tavolo e sedie Diamond.
  5. Il fondatore dell’azienda Serafino Scalco (a destra), nel reparto produzione.
  6. Showroom Faoma.